Vellutata di zucchine ilprofumodeldejavu

Vai ai contenuti

Menu principale:


Vellutata di zucchine e fiori di campo

Il freddo ha fatto ormai definitivamente breccia nella nostra quotidianità.
Le giornate sono cariche di quell'aria pungente tipicamente invernale, sebbene il calendario ci ricorda che siamo ancora nella stagione autunnale.
Questo clima è perfetto per mettersi ai fornelli, ci si riscalda ancor prima di mangiare, ma nel caso non fosse così la ricetta che vi propongo oggi è l'ideale per queste temperature così rigide, una pietanza calda che vi riscalderà alla prima cucchiaiata.
Ho scoperto le vellutate da bambina quando mia nonna, sempre lei, cara, chiedeva a mia mamma o a qualche zia di prepararle la classica vellutata di zucca, che presto vi replicherò, in quanto era uno di quegli alimenti che più gradiva e che forse le ricordavano la sua infanzia; ho imparato ad amarle fin da subito sia per la loro cremosità sia per la versatilità di cottura in quanto possono essere preparate con qualsiasi verdura.
La ricetta odierna è molto semplice, una vellutata di zucchine, arricchita da qualche fiore di campo essiccato il cui gusto amarognolo va a scontrarsi alla perfezione con la sua dolcezza delicata.

vellutata di zucchine ricette invernali

VELLUTATA DI ZUCCHINE E FIORI DI CAMPO
INGREDIENTI:
Dosi per 2 persone.
- 1 porro medio
- 6 zucchine piccole  (io preferisco quelle verde chiaro)
- 1 patata piccola
- una noce di burro
- brodo vegetale q.b (fatto in casa o in alternativa del brodo granulare e acqua q.b a coprire le verdure)
- fiori di campo essiccati
- 20 g di formaggio fresco spalmabile + latte q.b
- semi di girasole q.b
- 2 fette di pane in cassetta
- 2 fettine di bacon
- sale, pepe e olio q.b

La preparazione di questa ricetta è di una semplicità estrema.
Mondate il porro e tagliatelo a rondelle, lavate e cimate le zucchine tagliandole a rondelle. Pelate la patata e riducetela a cubotti non troppo grandi, a questo punto ponete tutto in una pentola e versatevi il brodo fino ad arrivare al livello delle vostre verdure.
Coprite con il coperchio e fate cuocere per circa 15 minuti dal momento in cui ha iniziato il bollore.
Con l'aiuto di un mixer ad immersione frullate tutto andando a creare la vostra vellutata, vi consiglio, prima di fare questa operazione, di togliere un po' di brodo vegetale dalla vostra pentola e conservarlo da parte in modo che in finale la vellutata non vi risulti troppo liquida, al massimo lo aggiungete una volta ultimata questa fase se vedete che la consistenza ottenuta non vi soddisfa.
Tenete da parte la vellutata e procedete alla preparazione dei crostini.
Tagliate le due fette di pane in cassetta e cubetti adagiateli su una teglia ricoperta di carta forno, ungeteli con un filo d'olio e passateli a dorare 5 minuti in forno a 180° funzione grill avendo cura di rigirarli in modo che non si brucino.
Nel frattempo che i vostri crostini si abbrustoliscono diluite in una ciotolina il formaggio spalmabile con un goccio di latte, quanto basta per lavorarlo e renderlo semi fluido per una decorazione.
Mettete a tostare in padella anche le due fette di bacon, devono rosolare bene da entrambi i lati in modo da risultare croccanti a fine cottura.
Una volta ultimati questi passaggi spegnete il forno e tenete da parte i crostini ormai pronti.
Passate all'impiattamento delle vellutate, io ho fatto due versioni una più leggera e raffinata ed una più golosa.
Per la prima versione ho fatto un decoro con la salsa di formaggio, ho depositato i miei fiori di campo secchi e qualche seme tostato; per la versione golosa oltre alla salsina di formaggio ed i semini ho aggiunto i crostini e il bacon. Ma questi sono i miei gusti, potete arricchirla come volete accompagnandola ad esempio anche con una coda di gamberone scottata o lasciata a crudo in purezza.

vellutata di zucchine ricette autunnali
"Come deve essere freddo l’inverno per coloro che non hanno ricordi caldi."
                                                                                                                Anonimo
Lascia un commento
Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




 
Torna ai contenuti | Torna al menu