scrocchiaciambella di mais ilprofumodeldejavu

Vai ai contenuti

Menu principale:


Ciambella con farina di mais

14.30 del pomeriggio, casa vuota, soltanto i passi felpati del mio micione che si fa sentire ogni tanto.
Fuori il cielo è grigio e io ho una gran voglia di coccolarmi, voglia di dolce, qualcosa di semplice e veloce che allo stesso tempo sia appagante.
Una torta morbida magari, che abbia anche un sentore croccante, qualcosa di adatto al mese di ottobre.
Corro in dispensa per mettermi all'opera e vedo subito quel che mi serve, la farina GIALLA.
Si sa, da noi in Veneto nei mesi di settembre/ottobre si inizia a fare un uso smisurato di farina di mais. La polenta entra con prepotenza nelle nostre case, in tutte le sue varianti.
Ma io questa farina la uso anche per altre preparazioni, forse un po' meno tradizionali.
Da quando ho iniziato la collaborazione con il Molino Filippi di Isola Vicentina devo ammettere che si è ampliato molto il mio utilizzo della farina gialla, forse il merito è dovuto anche alle diverse tipologie di cui il Molino Filippi dispone. Infatti non tutte le farine di mais sono uguali, la calibratura della grana può variare molto, permettendo così un suo completo utilizzo dalle preparazioni salate fino a quelle dolci.
Io oggi mi sono preparata una ciambella velocissima e super buona utilizzando la farina di mais per polenta "onta" del Molino Filippi. Non è la più utilizzata per la preparazione di dolci (per i quali si usa solitamente la farina fioretto) in quanto il calibro dei suoi grani è molto grosso ma avevo bisogno di dare un tocco di corpo e sapore in più alla mia torta e, utilizzandone poca rispetto alla percentuale di farina necessaria, per questa ricetta ho deciso di adoperare questa farina classica solitamente più utilizzata per le preparazioni salate più rustiche.
Il risultato è stato davvero ottimo, in mezz'ora o poco più ho preparato una ciambella profumata, morbida e allo stesso tempo scrocchiarella, ideale per una golosa merenda a anche per la colazione ed il vostro dolce risveglio.


dolci con farina di mais

SCROCCHIACIAMBELLA DI MAIS
INGREDIENTI:
Dosi per 1 torta.
- 170 g di farina di mais per polenta "onta" Molino Filippi
- 200 g di farina 100% integrale "tutto grano"
- 3 uova
- 200 g di zucchero
- 120 g di burro di bufala
- scorza di limone grattugiata
- 1 bustina di lievito per dolci
- 1 pizzico di sale
- 1 cucchiaio di estratto di vaniglia in polvere
- latte q.b.


Come vi ho detto poco fa il tempo di preparazione per questa ricetta non ha superato i 40 minuti.
Dovete solo prepararvi tutti gli ingredienti necessari disponendoli in modo ordinato sul vostro piano da lavoro e poi vi basteranno dieci minuti per preparare l'impasto, i restanti 30 minuti saranno solo di attesa per la cottura.
Preriscaldate il forno in modalità statica a 180°.
Prendete il burro a temperatura ambiente (io oggi ho utilizzato un buonissimo burro di bufala ma va bene anche il tradizionale) e mescolatelo allo zucchero fino ad ottenere una crema liscia. Aggiungete, una per volta, le uova e montate bene con l'aiuto delle fruste elettriche.
Ottenuto un composto gonfio e spumoso incorporate le due farine; io oltre alla farina di mais del Molino Filippi ho adoperato anche una farina integrale al 100% che contiene tutte la parti del chicco di grano (questo dona più corpo e gusto alla torta, in caso lo preferiate va benissimo anche la classica farina "00").
Aggiungete il pizzico di sale, il lievito per dolci, l'estratto di vaniglia e le scorzette grattugiate del limone.
Amalgamate bene fino ad ottenere un composto cremoso, nel caso vi risultasse troppo denso (la farina integrale assorbe più umidità) aggiungete un goccio di latte per renderlo più fluido.
Infornate per 30 minuti, lasciate raffreddare e servite con una spolverata di zucchero a velo.
Per i più golosi potete accompagnare le fette di ciambella con una cucchiaiata di marmellata, in questo caso vi consiglio quella di lamponi che contrasta benissimo il sapore rotondo della farina di mais.


torte con farina di mais
dolci velocissimi
"Devi amare quello che fai. Ogni dolce ha la sua storia: la persona per cui lo prepari, i sentimenti che provi mentre lo prepari... ogni cosa entra nelle mani e mentre impasti pensi con le mani, ami con le mani e crei con le mani."
Alessandro D'Avenia
Lascia un commento
Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




 
Torna ai contenuti | Torna al menu